• tetto
  • uccellino
  • ramo
  • ramo
  • sfera

Per i lettori

Care lettrici - Cari Lettori

Sei in Valle è un contenitore culturale, un trimestrale che lancia con questa periodicità dei temi stimolanti, intriganti. Li lancia come una sfida per i nostri collaboratori che scrivono nella propria rubrica dedicata e per chi ci legge, mosso da una sana curiosità. A voi la scelta! Leggere partendo da un tema o farlo consultando la rubrica che più vi interessa.

La meccanica che disegna la felicità

In attesa del ramo di sambuco che batta il diapason

di Andrea Basci (testo e scatti)

magia basci 1280

Che ci vuole?
Un temperino rosso e affilato in tasca e una passeggiata lungo il fiume.
Il primo sambuco è mio ed è il momento, i ritmi rimbalzano come palle da biliardo e lente si infilano nelle buche.

Una per una, traiettorie magiche e perfette, lineari, senza rumore sul tappeto caldo.
Linee geometriche semplici a raccontare angoli complessi.
Scompaiono nel buio, affondano, e i suoni ritmici ti avvolgono adagio per esplodere potenti.
Il momento è arrivato, inaspettato ma puntuale, è l’attimo della perfezione ottica, l’attimo che aspetti, quello dove le lenti non devono lavorare, hanno solo necessità di divertirsi, devono riempirti il cuore, accompagnarti nella musica che ascolti, seguire quella colonna sonora e riempirla di immagini e visioni.

facciata basci 1280
Lì nascono e camminano i quadri che hai cercato e pensato, momenti di pura magia.
Rari. Risultato non sempre matematico di congiunture impossibili.
Tutto deve entrare in sintonia e la bacchetta di sambuco, appena mossa dalla scintilla musicale,
da il la all’immaginazione visiva, un diapason potente che allunga la nota e la trattiene sospesa a lungo, costringe lo sguardo e la mano che muove i diaframmi a concentrarsi su quel suono magico.
Guarda dentro di me, si infila dritta e apre gli occhi dove non voglio guardare ma in quel momento la meccanica ubbidisce fedele e copia, asettica, le visioni dell’anima, quelle gioiose e quelle che scendono nelle tenebre del cuore.

uccelli basci 1280
Compie la sua magia, ti mostra quello che mai avresti voluto vedere e quello che nessuna felicità potrebbe disegnare.
L’attimo veloce dove le lenti aprono il profondo nascosto, si scoprono, ammaliate dai tuoi pensieri.
Poi, in tutta fretta, veloci e irrispettose, tornano nel mondo ottico dove non è più permessa nessuna deviazione e tutto è perfetto, già scritto, governato da leggi immutabili.
Io continuo ad affondare.
Lei è già nel suo mondo protetto, riposa senza pensieri, vetro e acciaio, il buio addormenta le lenti e le porta nel mondo ghiacciato dell’attimo immobile.

grecia basci 1280

matrimonio basci 1280

scala basci 1280

violinista basci 1280

Back to top
Condividi